Il sito utilizza cookies propri e di terze parti. Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul sito.

header1

Paderno del Grappa (TV), 16 - 05 - 17
Alle 14.25 il 118 di Treviso ha allertato il Soccorso alpino della Pedemontana del Grappa per un parapendio precipitato nella Valle di San Liberale. Con notizie piuttostoframmentarie, la squadra si è portata sul luogo indicato, dove ha incontrato una delle persone che aveva dato l'allarme, che ha indirizzato con maggiore precisione i cinque soccorritori verso la zona dell'incidente, a circa 1.300 metri di quota. Saliti per la Strada del salto della capra, i soccorritori sono stati messi in contatto telefonico diretto col pilota. L'uomo, M.V.R., 61 anni, residente in Spagna, chiusasi improvvisamente la vela, aveva azionato quella di emergenza ed era finito su un albero accanto a una roccia, senza riportare conseguenze. Dopo essere sceso autonomamente, si era ritrovato su un sentiero e stava risalendo verso Cima Grappa. La squadra gli è quindi andata incontro dall'alto e lo ha raggiunto a Malga Ardosetta, da dove lo ha accompagnato a valle fino a Semonzo del Grappa.
Battaglia Terme (PD), 14 - 05 - 17
Attorno alle 11.30 il 118 ha allertato il Soccorso alpino di Padova per una coppia di escursionisti in difficoltà. Contattati al telefono, L.P., 43 anni, lui, e S.C.C., 42 anni, lei, entrambi residenti a Padova, avevano detto assai in ansia ai soccorritori di trovarsi sul Monte Venda, incrodati senza potersi muovere. Poiché non erano però in grado di fornire indicazioni ulteriori, grazie all'applicazione di geolocalizzazione per smartphone la centrale di Torino del Cnsas è risalita alle loro coordinate Gps ed è così emerso che la coppia si trovava invece sul Monte Ceva. Una squadra di cinque tecnici si è quindi avvicinata il più possibile con i mezzi, per poi proseguire a piedi una ventina di minuti. Superato un tratto attrezzato, anziché svoltare a destra, i due escursionisti erano andati dritti per qualche metro, finendo bloccati su una parete di roccia. Raggiunti dai soccorritori, sono stati assicurati ed aiutati a tornare sul sentiero e da lì accompagnati alla macchina. L'intervento si è concluso poco prima delle due.
Cison di Valmarino (TV), 07 - 05 - 17
Questa mattina attorno alle 11.15 l'elicottero di Treviso emergenza è decollato in direzione del Bosco delle penne mozze, in seguito alla chiamata di alcuni passanti che si erano imbattuti in un'escursionista in difficoltà. La donna, L.F., 54 anni, di Cison di Valmarino (TV), era scivolata diverse volte sul sentiero e non era più in grado di proseguire. L'eliambulanza ha sbarcato nelle vicinanze medico e tecnico di elisoccorso che hanno raggiunto a piedi in una decina di minuti il luogo dove si trovava assieme a personale del Soccorso alpino delle Prealpi Trevigiane e dei Vigili del fuoco. La donna è stata imbarellata e trasportata all'ambulanza, che la ha accompagnata all'ospedale per gli accertamenti del caso.
 
Sospirolo (BL), 05 - 05 - 17
Attorno alle 17.30 il 118 ha allertato il Soccorso alpino di Belluno per un escursionista infortunatosi sul sentiero dei Cadini del Brenton in Valle del Mis. Una squadra di 6 soccorritori ha raggiunto il punto indicato e ha prestato le prime cure a L.L., 66 anni, di Sospirolo (BL), che si era procurato un probabile trauma alla caviglia. Caricato in barella, l'uomo, che si trovava con un'altra persona, è stato trasportato per una decina di minuti fino alla strada per essere affidato all'ambulanza diretta all'ospedale per gli accertamenti del caso.
Danta diCadore (BL), 01 - 05 - 17
Attorno alle 16 i carabinieri di Cortina hanno contattato il 118 per allertare il Soccorso alpino della Val Comelico, su richiesta di un anziano escursionista che aveva perso di vista l'amico con cui stava passeggiando in un bosco tra Danta e Gera ed era preoccupato potesse essergli successo qualcosa. I soccorritori si sono quindi portati sul posto assieme ai Vigili del fuoco per avviare la ricerca. Fortunatamente poco dopo i carabinieri hanno prima rintracciato l'uomo che aveva fatto la segnalazione, non più raggiungibile al cellulare, e subito dopo anche l'amico -entrambi di San Nicolò di Comelico (BL) - che stava rientrando. L'allarme è quindi cessato.